L’attività istituzionale di CONFIDARE S.C.p.A. consiste nel rilascio di garanzie mutualistiche a favore delle imprese associate, facilitando così l’accesso al credito alle PMI e garantendo all’impresa le migliori condizioni di mercato, attraverso l’applicazione di tassi convenzionati.

Il Confidi rilascia garanzie collettive eligibili esclusivamente a prima richiesta per favorire la concessione di finanziamenti alle imprese socie da parte di istituti di credito e società di leasing convenzionate.

La garanzia “a prima richiesta” consente alle banche convenzionate di attenuare il rischio di credito e di contenere gli assorbimenti patrimoniali a loro carico, con una conseguente riduzione degli spread applicati a tutte le PMI e imprese artigiane socie del Confidi.

 

Possono usufruire della garanzia di CONFIDARE S.C.p.A.:

  • Imprese artigiane
  • Imprese commerciali
  • Imprese dei servizi
  • Imprese industriali
  • Cooperative e Consorzi
  • Liberi professionisti
  • Piccole e Medie imprese (PMI) di tutti i settori


0
L’importo massimo delle garanzie concedibili a ciascun socio
0
Limite delle operazioni bancarie

 

L’importo massimo delle garanzie concedibili a ciascun socio ammonta a Euro 900.000,00 (novecentomila/00) e dunque il limite delle operazioni bancarie (in caso di garanzia pari al 50%) è fissato in Euro 1.800.000,00 (unmilioneottocentomila/00) restituibili in un periodo massimo determinato nel limite di quanto previsto da ciascuna convenzione in essere con i diversi istituti di credito.
Vige, poi, un sottolimite concedibile a ciascun socio per credito di esercizio e/o credito ordinario, ammontante a Euro 600.000,00 (seicentomila/00) e dunque il limite di tali operazioni bancarie (in caso di garanzia pari al 50%) è fissato in Euro 1.200.000,00 (unmilioneduecentomila/00).
Il tutto nei limiti di ciascuna convenzione in essere con gli istituti di credito.

PRODOTTI, CONVENZIONI E SERVIZI
ISTITUTI CONVENZIONATI

La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione

Lucio Anneo Seneca