Nel corso della riunione consigliare del 22 giugno 2015, il Consiglio di Amministrazione – considerando le Risorse umane del Confidi un Valore strategico e un primario Bene aziendale, nonché accogliendo appieno l’articolata proposta avanzata dal Direttore Generale – ha assunto una deliberazione relativa al SISTEMA PREMIANTE 2015 e 2016.

SISTEMA PREMIANTE 2015 – 2016

  • Viene istituito un “Premio di produzione lordo annuale una tantum riconosciuto a tre componenti della struttura territoriale” così articolato sia per l’anno 2015, sia per l’anno 2016: premio di Euro 350 al collega che avrà conseguito la maggiore produttività in corso d’anno; premio di Euro 300 al collega che avrà conseguito la seconda maggiore produttività in corso d’anno; premio di Euro 250 al collega facente parte del Gruppo Marketing che avrà conseguito la maggiore produttività in corso d’anno.
    Tale premio resta comunque cumulabile con quanto previsto nel caso di eventuale assegnazione di un premio di produzione lordo annuale una tantum vincolato al raggiungimento/superamento di Euro 75 milioni (Euro 90 milioni nel 2016) di garanzie su finanziamenti erogati nel 2015 .
  • Relativamente al “Premio di produzione lordo annuale una tantum vincolato all’eventuale raggiungimento/superamento di Euro 75 milioni di garanzie su finanziamenti erogati nel 2015” si prevede – attraverso premialità una tantum ad personam da euro 150,00 fino a euro 900,00 – un impegno di spesa pari a ca. Euro 12.000,00 lordi una tantum.
    Per l’anno 2016 viene deliberato analogo “Premio di produzione lordo annuale una tantum vincolato all’eventuale raggiungimento/superamento di almeno Euro 90 milioni di garanzie su finanziamenti erogati nel 2016”.
  • INCREMENTI RETRIBUTIVI E PASSAGGI DI LIVELLO INDIVIDUALI:
    Resta confermata la “Delibera Quadro 2015 prevista dalle norme Regolamentari in essere”: il C.d.A. ha destinato ad eventuali incrementi retributivi 2015 una somma complessiva massima – in facoltà della Direzione Generale che la gestirà sulla base di proprie valutazioni e riscontri meritocratici – pari complessivamente a Euro 1.400 euro lordi mensili destinabili a incrementi retributivi ad personam, nonché conferma la facoltà direzionale di concedere l’eventuale passaggio di livello in corso d’anno a favore di quattro unità operative. Con le decisioni in merito già assunte dal Direttore Generale entro settembre 2015 quanto previsto dalla Delibera quadro per il 2015 risulta utilizzato compiutamente.
    Per quanto attiene alla “Delibera Quadro 2016 prevista dalle norme Regolamentari in essere”: il C.d.A. reitera quanto già deliberato per l’anno 2015 secondo cui viene destinata ad eventuali incrementi retributivi 2016 una somma complessiva massima – in facoltà della Direzione Generale che la gestirà sulla base di proprie valutazioni meritocratiche – pari a complessivi 1.400 euro lordi mensili destinabili a incrementi retributivi ad personam, nonché conferma anche per il 2016 la facoltà direzionale di concedere l’eventuale passaggio di livello in corso d’anno a favore di tre/quattro unità operative. Il Direttore Generale precisa che l’utilizzo di parte o in toto di quanto deliberato dal C.d.A. per il 2016 costituisce una facoltà e che quindi ogni futura decisione in merito sarà vincolata non soltanto al giudizio meritocratico del singolo collaboratore da parte del Direttore Generale stesso, ma anche – e soprattutto – all’andamento aziendale complessivo e individuale, escludendo dunque qualsivoglia automatismo e preventiva imputazione del relativo impegno di spesa.

Confartigianato Fidi s.c.p.a.